I Tag RFID e i Tag NFC sono classificati sulla base di alcuni parametri tecnici.

IL METODO DI ALIMENTAZIONE: Nell’ RFID passiva, i Tag ricevono l’energia necessaria ad operare dal campo RF fornito dal sistema di lettura, con una distanza di lettura limitata (fino a 10-15 m). Un sistema con tecnologia RFID passiva può operare in bassa frequenza (LF), alta (HF) o altissima frequenza (UHF e VHF).

RFID passivo LF (125-135 KHz): utilizzabile in tutto il mondo con distanza di lettura limitata ed applicata per antifurti, chiavi, etc.

RFID passivo HF (13,56 MHz), normalizzata dagli standard ISO 14443 e ISO 15693; è utilizzata in tutto il mondo, con distanza di lettura ridotta (fino a 1,20 mt.) ed applicata per libri, pallet, controllo accessi, abbigliamento etc.

RFID passivo UHF (868-915 MHz): incontra limiti locali definiti dalle autorità dei singoli paesi, applicata per pallet, container, etc.

METODO VHF (2,4 o 5,8GHz): utilizzata globalmente per transponder attivi, applicata per controllo accessi, veicoli, etc. Nell’RFID attiva, invece, i Tag sono alimentati con una sorgente di energia elettrica (ad esempio con batterie di lunga durata): quando sono interrogati dal sistema di lettura, i Tag emettono un segnale in radio-frequenza in grado di propagarsi su distanze più consistenti. Utilizzando l’avanzata tecnologia di trasmissione radio nella banda UHF, gli apparati RFID attivi trasmettono e ricevono dati a distanze fino a 100 metri (Tag i-B2) o fino a 500 metri con Tag della famiglia i-Q350.

IL METODO DI TRATTAMENTIO DEI DATI MEMORIZZATI: La modalità read-only  (di sola lettura) consente di utilizzare la tecnologia RFID in sostituzione del codice a barre.

Nei sistemi industriali particolarmente complessi e operanti in ambienti ostili, la presenza di un Tag con queste modalità può sostituire sia il network sia la necessità di avere sempre attivo il controllo di un sistema di gestione e in questo modo automatizzare alcuni processi amministrativi o industriali,

MODALITA' READ-WRITE: i Tag dotati di memorie non volatili possono contenere informazioni molto articolate sull’oggetto cui sono associate. La modalità read/write permette non solo una trasmissione di informazioni ma un loro aggiornamento sul chip. Il Tag diventa un sistema di identificazione che può tracciare la storia di un prodotto fin dalla fase di lavorazione ed essere poi utilizzata in modo interattivo lungo tutta la filiera, fino alla distribuzione al dettaglio e in alcuni casi sino al consumatore. Alcuni vantaggi di questa modalità sono costituiti dalla possibilità di memorizzare dati relativi agli indici di qualità, ai problemi riscontrati e, successivamente, dalla semplice lettura del Tag è possibile valutare le caratteristiche positive e negative dei prodotti o dei lotti; per esempio, applicati alle confezioni di prodotti deperibili alle alte temperature, sono in grado di informare il consumatore che è stato superato il livello di guardia.

localizzare in magazzino i differenti modelli, smistare in distribuzione modelli e prodotti in funzione di alcune caratteristiche (prezzo, dimensioni, packaging, ecc.). Questi Tag si rivelano utili anche per la generazione automatica di bolle e fatture, grazie alla possibilità di leggere contemporaneamente più codici.

LA MODALITA’ DI SCAMBIO DATI (CIFRATA IN CHIARO): Cardnology dispone della più disparata gamma di Tag RFID e i Tag NFC, e offre la possibilità di personalizzarli e di scrivere anche dati variabili.

Visualizzazione di tutti i 4 risultati